Lasciai tutto…

 

La mia famiglia ovvero, mia madre e mio padre già erano convertiti da 7 anni, ma io non ne volevo sapere, perchè pensavo che già lo fossi, cioè che già conoscessi Gesù e già facessi esperienza dello Spirito Santo, in quanto frequentavo il movimento carismatico cattolico del Rinnovamento nello Spirito e quindi pensavo: o lodo il Signore nel cattolicesimo o presso i pentecostali è la stessa cosa.

Ma il Signore stava preparando il cammino per me.

Infatti nel mio gruppo cattolico c'era, e c'è ancora, il responsabile della corale della quale io con mio marito ne facevo parte, io cantando e mio marito suonando la chitarra, mentre il responsabile suonava la tastiera. Ebbene, il Signore si servì di lui, giusto un anno fa.

Il responsabile, che si chiama Alberto, mi parlava dei canti, dei gruppi e dei testi, tutti riguardanti il mondo evangelico pentecostale; rimasi affascinata ma anche sorpresa nell'apprendere che quasi tutti i canti del movimento carismatico cattolico appartenevano ai pentecostali.

In me cambiò tutto, però solo dal punto di vista musicale, la parte spirituale era ancora bloccata ma anche lì, il Signore si stava manifestando, perché sul mio cammino mise il pastore della mia attuale comunità, sita ad Acerra (NA): è la chiesa cristiana evangelica pentecostale libera Eben-Ezer, il quale mi ascoltava, mi apprezzava; mi spiegava e mi dava risposte che nessun sacerdote mi aveva mai dato.

Nutrii subito fiducia nei confronti del pastore perché in precedenza avevo avuto anche altri contatti con alcuni fratelli ma mi puntavano sempre il dito in segno di giudizio dicendomi che ero cattolica e che non mi sarei salvata, mentre il pastore non mi faceva sentire giudicata ma amata.

Così, una sera, durante un incontro con il mio gruppo cattolico il Signore mi parlò con un passo: "Cristo è il solo mediatore fra Dio e gli uomini" (1 Timoteo 2:5).

Piansi dicendo al Signore: « basta, getto la spugna, mi arrendo, indicami Tu la via dove devo seguirti!».

E il Signore mi ha indicato la Via della Verità cioè Lui, Cristo Gesù il Signore dei signori, il Re dei re.

Così lasciai tutto, il gruppo carismatico, l'insegnamento come docente di religione nelle scuole elementari, gli incontri catechistici, ma acquistai la libertà: quella di adorare Gesù Cristo in spirito e verità.

Per quanto riguarda mio marito, già prima di me voleva partecipare ai culti evangelici ma io, gli impedii di farlo dicendogli che se fosse andato lo avrei lasciato.

…ma il Signore ha sconvolto radicalmente i miei "piani", perchè è successo che sono andata a Lui per prima io e dopo anche mio marito.

Così, oggi facciamo di nuovo parte di una corale: io canto e lui suona la chitarra  e la dirigiamo anche.

Sono felice perchè a settembre sarà trascorso un anno della mia conversione e di mio marito e ci battezzeremo anche in acqua, mentre abbiamo già ricevuto il battesimo dello Spirito Santo.

 

Lia Manzi

 

 

Nota: l’autrice di questa testimonianza, è laureata in SCIENZE DELLE RELIGIONI ed insegnava (come lei stesso dice) nelle scuole elementari.

Cefa