L’INTERROGATORIO

(Luca 12:11,12)

 

In Romania, all’epoca di Ceaucescu, il pastore di una comunità aveva ricevuto la visita della polizia segreta che gli aveva frugato tutta la casa e confiscato numerosi libri cristiani. Era stato arrestato e interrogato severamente per dieci ore. Alla fine i suoi giudici gli chiesero. «Ha qualcos’altro da aggiungere?»

«Signori! L’interrogatorio e l’arresto non mi hanno sorpreso, perché sapevo che questo sarebbe capitato. Il Signore Gesù ha detto ai Suoi discepoli che sarebbero stati arrestati e che avrebbero sofferto se volevano seguirlo. Sarei stato arrestato se non fossi stato un cristiano?».

«No».

«Così, la Bibbia è vera. Sono dunque pronto a subire le conseguenze della mia fedeltà. Sono pronto a pagarne il prezzo. Il vostro lavoro consiste nel fissare questo prezzo e il mio nel pagarlo con gioia, perché amo il mio Dio. Egli mi fortificherà per sopportare questa prova. Ma voglio pure che sappiate che Dio ama anche voi».

I giudici sorpresi, si guardarono e dissero all’accusato. «Se ne vada! Ritorni a casa. Il suo caso, dopo tutto, non ha a che vedere con la giustizia».

Gesù aveva detto ai Suoi discepoli: «Nel mondo avrete tribolazione; ma fatevi coraggio, Io ho vinto il mondo» (Giovanni 16:33)

 

Tratto dal calendario “IL BUON SEME”

edizioni “il Messaggero Cristiano”

Via santuario, 26

15048 Valenza (AL)