PERCHÉ IL GELATO

NON FA LE SCINTILLE ?

 

In un chilo di spaghetti ci sono circa 500 grammi di protoni, 500 grammi di neutroni e due decimi e mezzo di grammi dl elettroni. Come dice lo stesso nome, il neutrone non ha carica elettrica mentre il protone ce l’ha ed è positiva. L’elettrone ce l’ha negativa, il segno delle cariche è dovuto alla convenzione scelta, che è di attribuire al protone il segno positivo e alla carica dell’elettrone quello negativo. I protoni hanno cariche elettriche esattamente uguali, ma di segno opposto a quelle degli elettroni. Se così non fosse, le molecole e gli atomi non potrebbero essere neutri.

E siccome la nostra lingua è fatta con atomi e molecole, scoccherebbero potenti scintille nel semplicissimo gesto di leccare un gelato, la cui materia è anch’essa fatta di atomi e molecole.

Se le cariche elettriche di protoni ed elettroni avessero una pur minima differenza, la foglia di una pianta, come qualsiasi altra forma di materia, sarebbe sorgente di scintille, La materia di cui siamo fatti è elettricamente neutra, in quanto le cariche elettriche in gioco sono uguali con precisione altissima, Il motivo dell’esatta uguaglianza tra i valori assoluti delle cariche elettriche di un protone e di un elettrone è uno del problemi la cui soluzione ha bisogno della cosiddetta “grande unificazione”, su cui è quanto mai necessario sapere molto più di ciò che siamo finora , riusciti a capire.

L’unica certezza è che noi non potremmo esistere se fossimo fatti con atomi e molecole non rigorosamente neutri.

Articolo apparso su «FAMIGLIA CRISTIANA» 33 del 15 agosto 2004 a pagina 89

 

A coloro che continuano a credere nella evoluzione e nel caso,

io che credo nell’Iddio Creatore domando: COME E’ POSSIBILE TUTTO QUESTO?

                                                                                                                                           CEFA.