COCA COLA E PESPI…..FORSE A BREVE SI SAPRA’ LA LORO FORMULA

 

Il quotidiano britannico The Guardian in un recente articolo racconta di come i contadini delle regioni dell'Andhra Pradesh e del Chattisgarh in India, utilizzino regolarmente queste bevande come soluzione efficace contro i parassiti che aggrediscono i loro raccolti, preferendola ai costosi pesticidi. Per questo un comitato governativo indiano ha decretato che le bevande prodotte in India dalla Coca-Cola e dalla Pepsi contengono livelli inaccettabili di residui di pesticidi.

Sono in corso controlli ed il segreto della ricetta vincente potrebbe essere rivelato.

Gli accertamenti da parte dell'Alta Corte, seguono le denunce ufficiali da parte del Centre for Science and the Environment, dalla Youth Welfare Society e da altra organizzazioni non profit. Nel dettaglio si cercano tracce presunte di DDT, ma per poter effettuare i controlli di rito occorrono analisi particolareggiate sulla composizione delle due bevande, quindi in gioco c'è la ricetta di Coca Cola, tra i più remunerativi “segreti” del secolo.

In particolare la leggendaria e misteriosa miscela della Coca-cola è da sempre oggetto di dispute e la multinazionale rifiuta di rivelarlo.

Forse a breve gli sviluppi, per il momento i contadini indiani sono contenti, infatti un litro di pesticida concentrato costa infatti in media 180 euro contro un prezzo (in India) di 0.05 euro di un litro e mezzo di Coca-Cola.

 

Newsletter Banca Cassa di Risparmio di Vignola - Anno 3, Numero 37 del 07/12/2005